TNT Vela Latina Circuit 2003

Saint Tropez – Savona/Varazze – Alghero – Stintino – Bosa – Sorrento - Cagliari

2^ tappa: 4° Trofeo Challenge Dodero - 1° Trofeo Federico Toscano

 

Venerdì 11 e sabato 12 luglio, fra Savona e Varazze si disputa la seconda tappa del Circuito TNT di Vela Latina, che fa seguito alla regata disputata in maggio a Saint Tropez, dove si è posizionato in testa alla classifica il gozzo "cornigiotto" dell'equipaggio del Varazze Club Nautico di Roberto Cecconi, che da diverse stagioni domina le regate di vela latina tradizionale in tutto il Mediterraneo.

La prestigiosa manifestazione internazionale è organizzata dal Comitato di Circoli Nautici costituito dalla Lega Navale Italiana Sezione di Savona, dal Varazze Club Nautico e dall’ Assonautica, coordinati da Mare Forza Dieci - Provincia di Savona in collaborazione con l’Associazione Vela Latina Tradizionale ("A.Ve.La Tradizionale").

 

E' prevista la partecipazione di numerose barche tradizionali costruite fra la fine dell’ottocento e la prima metà del secolo scorso, prevalentemente in Sardegna ma anche in Campania (Sorrento) e in Liguria, dove fanno spicco i caratteristici gozzi cornigiotti dalla prua rientrante, come il mitico  “U Can Neigru” di Roberto Cecconi, costruito nel 1885 nei Cantieri Gavarrone.

Nella classe dei gozzi (a poppa rastremata) è in palio il "4° Trofeo Challenge Dodero" mentre il "1° Trofeo Federico Toscano" è riservato alla categoria delle lance a poppa quadra.

Un premio speciale è stato inoltre riservato dal Varazze Club Nautico al miglior restauro o alla migliore conservazione di queste intramontabili barche, rigorosamente in legno, che saranno ospitate nella Vecchia Darsena di Savona e saranno giudicate da un commissione di esperti costituita da Cesare Gavarrone, maestro d’ascia e dirigente dei Cantieri baglietto, Giovanni Panella, autore di un libro sui gozzi a vela latina, Giacomo Protto, maestro d’ascia e costruttore di barche da lavoro, pesca e diporto.

 

La partenza della prima prova è in programma venerdì 11 luglio alle ore 15, mentre sabato sono previste due prove con inizio alle ore 10.30.

 

L'origine della denominazione di Vela Latina non ha niente a che vedere con gli antichi romani, perchè è una distorsione dell'espressione di "vela alla trina", cioè triangolare, con cui l'umanità è riuscita ad affrancarsi dalle antiche vele quadre che potevano essere solo spinte dal vento. Infatti, con l'invenzione delle vele triangolari ha avuto inizio la navigazione verso la direzione del vento, che ha portato a nuove scoperte geografiche di isole e continenti da cui il vento soffia sempre da terra verso il mare, e al miglioramento dei traffici commerciali su nuove rotte, non più vincolate a seguire la direzione del vento.

Le barche a vela latina sono caratterizzate da un piccolo albereto inclinato verso prua, che sostiene una lunga antenna su cui è inferito il lato prodiero della vela, che conferisce a queste antiche barche da pesca e da piccolo cabotaggio costiero una immagine di grande poesia.