Navigando contro il male

 Campionato 2004 di Savona per vele da crociera e regata

CLASSI IMS  Standard e ORC Club   P   CLASSE LIBERA Senza Spinnaker

 

Nel vento della solidarietà,  Maia III di Forzano rivince il Campionato di Savona

 con una giornata di anticipo

 

Tre fantastiche giornate di tramontana tesa e di divertimento stellare, nelle prime tre regate del campionato primaverile di Savona che sta impegnando i velisti in una edizione super di “Navigando contro il male”,  le tradizionali regate di beneficenza con quote di iscrizione devolute quest’anno a ben quattro associazioni.

.

Nella prima prova, disputata il 28 marzo a favore dell’Associazione Malattie Infiammatorie Croniche dell’Intestino (A.M.I.C.I.), si è registrato il solito duello fra Maia III di Franco Forzano e Solidea di Stefano Carracino, due barche quasi gemelle della serie Gran Soleil 37. Solidea ha tagliato per prima l’arrivo, con un tempo di 1h 10’ sulle 7,7 miglia di percorso a bastone, e un vantaggio di 50 secondi sull’avversaria ma il suo albero maggiorato avrebbe evidentemente dovuto farla andare molto più veloce perché il calcolo del tempo corretto ha sovvertito le posizioni, assegnando la vittoria a Maia per soli sei secondi. Nell’occasione ha fatto il suo esordio nel panorama velico savonese Vitamina, potente Dheler 39 di Angelo Zelano, che ha concluso la regata con un ritardo di ben cinque minuti dalla prima denotando comprensibili necessità di messa a punto della barca.

.

Già nella seconda prova, andata in onda il 25 aprile a favore dell’AUSER – Filo d’argento, telefono amico degli anziani 800-995988, Vitamina ha mostrato significativi progressi completando per prima il triangolo di 7,3 miglia in 1h 16’ 21”, con mezzo minuto di vantaggio su Solidea e un minuto e mezzo su Maia. Quest’ultima ha però nuovamente vinto in tempo corretto, con 3’23” su Vitamina che si è così fatta un’idea degli ulteriori margini di miglioramento necessari per vincere.

.

Stesso copione nella terza prova, corsa il 23 maggio a favore dell’Associazione ARION impegnata in programmi di delfinoterapia per bambini affetti da autismo, con Vitamina prima sul traguardo e in ulteriore progresso con stop orario di 1h 08’05” sul triangolo di 7,2 miglia, ma terza vittoria di Maia in tempo corretto per 3’04”.

Per il secondo anno consecutivo, il Campionato di Savona incorona regina Maia III, che dovrà guardarsi in futuro dai notevoli miglioramenti evidenziati da Vitamina, terza incomoda nella sfida infinita fra Maia e Solidea con rinnovati motivi di interesse per le regate savonesi.

.

La prova conclusiva del 6 giugno, a favore dell’Associazione Italiana Sclerosi Multipla, dovrà assegnare la piazza d’onore fra Vitamina a quota 11 punti (6-3-2) e Solidea a 12 punti (2-2-8).

.

Bella lotta anche a metà classifica fra il 10 metri Bamboo, Gran Soleil 343 di Roberto Nasuti (3-4-6), a pari merito a 13 punti con il piccolo 8 metri Grisoù, EC 26 timonato da Enzo Motta (4-5-4), senza perdere di vista gli interessanti progressi cronometrici di MayBeOne, Dufour 32 di Alessandro Averla (7-6-3).

.

Nella Classe Libera senza spinnaker, categoria promozionale che esclude l’uso della difficile vela multicolore da vento in poppa ed effettua percorsi ridotti di meno di 5 miglia, la classifica non è ancora omologata perché si sta sperimentando una nuova formula semplificata.

La velocissima Lory’sEyes, J92 di Valdettaro, ha tagliato due volte per prima il traguardo cedendo il passo nella terza prova a Sea Bit 2, Gran Soleil 39 di De Benedetti, ma i loro distacchi sulle inseguitrici non sembrano tali da mettere le prime due al sicuro dal sorpasso in tempo corretto da parte di Aloes, Oceanis 31 di Gaiotti, e soprattutto dalla piccola 8 metri Giopi, Segugio 27 di Auxilia che, forte del suo esperto equipaggio con cui primeggiava in passato con la corsaiola Ghesar, vuole vedere se riesce a fare bene anche su una pacifica barca da crociera: i più che eccellenti riscontri cronometrici fanno ritenere di si.