LEGA NAVALE ITALIANA - SAVONA

Navigando Contro il Male - X edizione

17/11/2002 - 2^ prova


CAMPIONATO VELA CROCIERA SAVONA 2002 - 2003

Trofeo  TECHNOSAIL GROUP LIGURIA

 

NAVIGANDO CONTRO IL MALE 2002 a favore di SAVONA INSIEME

regata annullata  il 06/10/02   e ripetuta  il 17/11/02  ( 2^ prova campionato )

 

Bamboo di Nasuti vince la regata a favore di Savona Insieme

 

La tremenda mareggiata della vigilia non lasciava prevedere neanche ai più ottimisti la possibilità di regatare domenica, e ben 17 delle 32 barche iscritte non si sono presentate all'appuntamento. Tuttavia, le previsioni meteo non erano tali da consentire di annullare la regata a tavolino già dal sabato, e domenica mattina il comitato organizzatore è uscito in ricognizione, trovando condizioni più che accettabili a dispetto delle preoccupazioni notturne. L'onda residua del libeccio, notevolmente ridimensionata dal grecale della notte, sarebbe stata più maneggevole con qualche nodo di vento in più della brezza a 6-7 nodi da levante, ma non c'erano controindicazioni per fare disputare la regata ai 15 equipaggi presenti.

Partiti alle 10:28:00 sul bastone con lato di 1,6 miglia fra Albisola e Celle, la prima bolina, è stata piuttosto faticosa e le barche più veloci hanno completato il bordeggio in 40 minuti a poco più di 4 nodi di velocità.

Sul lato in poppa le tattiche si sono divise fra gli spi semisgonfi di Jump e Maia sulla rotta diretta e le gonfie vele di Solidea e Obsession al gran lasco su due bordi più lunghi. Le quattro barche hanno completato praticamente insieme il primo giro ma, anche se le scelte sono risultate equivalenti sul piano pratico, certo il divertimento a bordo delle barche al lasco non è paragonabile al sofferente rollio delle barche in balia dell’onda in poppa piena.

Alla fine del primo dei due giri in programma, il comitato di regata ha dovuto decidere se dare la riduzione di percorso o meno, come ci si sarebbe aspettati per la brezza molto leggera, ma la constatazione che i primi avevano concluso i due lati in 55 minuti ha indotto a lasciare proseguire la regata.

Nella presunzione errata di aver completato la prova, Maia ha intrapreso lo stocchetto di arrivo con lo spi issato e, prima di rendersi conto che doveva invece girare la boa di percorso e continuare in bolina, è stata superata da Obsession, Jump e Solidea, buttando alle ortiche un margine di vantaggio prezioso.

Subito dopo il giro di boa, la brezza è salita a 12 nodi ( figuriamoci le critiche se la prova fosse stata ridotta, dopo appena un ora, "proprio sul più bello…" ) e il secondo giro è stato completato in appena mezz'ora da Jump, che ha concluso la prova alle 11:52:35 seguito dopo 9 minuti da Solidea, tallonata a 1 minuto da Obsession, e da Maia III, che si è esibita in una notevole rimonta. Alle 12:07:07 ha concluso la prova Bamboo, e poi la brezza si è abbonacciata lasciando Jeff con lo spi a candela a metà lato, e tutti gli altri a ciondolare per una ventina di minuti.

La classifica in tempo corretto decreta la vittoria di Bamboo, G.Soleil 343 di Roberto Nasuti seguito da Maia III, G.Soleil 37 timonata da Luca Forzano, e da Obsession, Dehler 38 di Mario Rossello.  In quarta posizione figura Solidea, G.Soleil 37 di Stefano Carracino e in quinta Jump, Grand Soleil 46 di Filippo Aleotti che con i suoi 14 metri di lunghezza paga oltre mezz'ora di abbuono al Grand Soleil 343, e non gli è quindi stato sufficiente il distacco di un quarto d'ora inflitto al 10 metri.

 

Fra le barche Classiche & Minori, che compiono un percorso ridotto, solo Cavallino Bianco di Tommaso Bisazza si è avventurato in mare e – pur avendo ovviamente vinto la prova disputata senza avversari – nella classifica in tempo corretto ha curiosamente “perso” di quasi tre minuti il confronto con la propria prestazione potenziale prevista dal programma di calcolo.

 


Fine della pagina