LEGA NAVALE ITALIANA

Sezione Di Savona

Gruppo Sportivo Motonautico

Fano - 1 ed 11 maggio 2003 – 1^ prova


 

CAMPIONATO ITALIANO MOTO D’ACQUA 2003

 

Vittorie di Alessandro Beltramo nelle Jet Sky e di Alessio Schintu nelle RunAbout

 

Partenza lanciata dei portacolori del Gruppo Sportivo Moto d’Acqua della Lega Navale savonese che hanno dominato le rispettive specialità nella gara di apertura  del Campionato Italiano 2003.

 

Jet Sky

Al sedicenne centuauro d’acqua Alessandro Beltramo, quest’anno tocca il non facile compito di riconfermare le formidabili prestazioni che l’avevano portato a dominare il campionato 2002.

L’impegno è reso anche più arduo dall’adozione di una nuova moto Polaris che si è rivelata difficile da controllare in curva, cioè proprio nel punto forte di Alessandro per la sua originale tecnica di guida con cui l’anno scorso otteneva maggiore velocità in curva, grazie anche alla tenuta “di strada” della Yamaha che, attraverso una promozione federale, era stata messa a disposizione del giovane pilota esordiente dal responsabile del Gruppo Sportivo Moto d’Acqua, Enzo Giannelli.

Con il nuovo mezzo assolutamente di serie (“stock”), Alessandro partecipa al Campionato Italiano sia nella categoria Stock sia nella categoria SuperStock delle moto modificate, ben sapendo che contro queste ultime non dovrebbe avere alcuna chanche, salvo l’opportunità di fare esperienza.

Invece Alessandro ha primeggiato in tutte due le categorie, mandando alle stelle l’entusiasmo di suo padre, Roberto, e del D.T. Giannelli.

.

Nella gara di sabato, della categoria Jet Sky Stock, Alessandro ha vinto tutte due le prove, precedendo Roberto Giustacchini (2° e 3°) e Marco Comellini. Nonostante il risultato perentorio che sembra non lasciare adito a dubbi sulla conferma delle doti del campioncino, non si è trattato di una vittoria facile, specialmente nella prima manche in cui Alessandro ha dovuto battagliare duramente sia con Giustacchini sia con il mare calmo su cui il fondo piatto della Polaris schizza via come una saponetta, specialmente nelle curve che vanno affrontate tenendo la moto piatta. Nella seconda manche, invece, si è alzato un po’ di mare e il controllo della moto in curva è diventato paradossalmente più agevole appoggiando la carena sulle onde.

.

Alessandro si è presentato rilassato alla gara di domenica, senza alcuna pressione psicologica di dover fare risultato nella categoria Jet Sky Superstock. “Mi sono proprio divertito” ha commentato, ma non si è limitato a “fare esperienza” perché ha invece spadroneggiato alla grande, prima con una partenza anticipata che l’ha costretto a riparitre per ultimo, con una mano sul casco come prescrive il regolamento, e poi con una inarrestabile rimonta di ben due dozzine di avversari su moto più potenti della sua, risalendo fino ad un incredibile e entusiasmante 5° posto. Con il bis di un altra 5^ posizione conseguita nella seconda manche, Alessandro si è insediato in un imprevedibile 4° posto in classifica, a ridosso del podio su cui sono saliti piloti del calibro di Alberto Monti (1-1), Angelo Bertozzi (2-2) e Franco Pazzaglia (4-3)… ed ogni ulteriore commento è per ora superfluo, salvo stare a vedere cosa succederà già dalla prossima gara di campionato, il 7-8 giugno sul Lago di Bolsena, con l’intermezzo della prima gara del Campionato Europeo, dal 16 al 18 maggio, a Parigi Disneyald: “Sarà dura – prevede Alessandro – perché i circuiti del campionato Europeo sono tutti in canali stretti dove si formano tremende onde incrociate che rendono molto faticose le prove”.

 

RunAbout

Alessio Schintu corre nel Campionato Italiano nella categoria RunAbout SuperStock (guida in sella) e domenica si è subito confermato nel ruolo di primattore che lo ha contradistinto negli ultimi campionati. Infatti ha vinto la prima manche e si è classificato secondo nella manche successiva, conquistando 37 punti che lo insediano in testa alla classifica, seguito a 33 punti da Lorenzo Benaglia (4-1), a quota 30 da Cesare Vismara (3-3), mentre il genovese Christian Speciale (2-5) totalizza 28 punti. 

Anche Alessio prenderà parte al Campionato Europeo, in una intensa stagione di sei prove in Italia e quattro all’estero.