Gruppo Sportivo Dilettantistico Motonautico – L.N.I. Savona

Gruppo Sportivo Motonautico

Specialità Moto d'Acqua

 CAMPIONATO EUROPEO U.I.M.  MOTO D’ACQUA 2006


Heraklion, Creta – 16 aprile 2006 – 2° giornata

. 

Graziella Fontana ottima sesta nel Campionato Europeo U.I.M. specialità Endurance

 

Formidabile exploit di Graziella Fontana, portacolori della Lega Navale savonese nella categoria della Moto d’Acqua Endurance. La pilota, sponsorizzata dalla Rossmare International e dalla Ravera Motoricambi Savona, si è classificata sesta al Campionato Europeo della specialità di resistenza che ha preso il via con la tappa di Creta dove ha avuto anche la soddisfazione di essere promossa sul campo nella squadra ufficiale italiana, oltre a ricevere i complimenti dei fortissimi francesi che l'anno invitata alla tappa di Oleron.

 

Questo il racconto di Graziella:

Indubbiamente a creta sono stata proprio fortunata, con solo 22 equipaggi partenti perchè tanti altri avevano le moto in viaggio dal mondiale in Guadalupe: di questi 13 superstock e 9 stock.

Sabato le prove erano state prima rinviate e poi del tutto annullate dalla capitaneria di Creta, per il mare forza 8: il bello è che i piloti erano tutti pronti a buttarsi in mare egualmente, nessuno mugugnava per alcunchè ( come di solito si sente sui nostri campi gara ) e anzi erano tutti pronti "a morire ", se c'era da andare.

Certamente mi sarei buttata anche io, ma non mi è dispiaciuto non doverlo fare.

L'altro pilota italiano presente,  Zamarian, ha avuto problemi fisici e non ha potuto fare una buona gara, infatti ha finito le prove a stento ed addirittura nell'ultima si è ritirato.

 

La domenica, anzichè fare quattro prove speciali ne hanno fatte tre. La prima era un circuito di 7 km su 4 boe con tempo limite di 30 minuti e mare relativamente calmo:  sono arrivata quarta.

 

Nella seconda prova si doveva raggiungere un isolotto a circa 12 km da riva, da circumnavigare per fare ritorno a terra: il mare era poco mosso sia all'andata che al ritorno mentre sul versante opposto dell'isola era incredibile, con onde che provenivano da tutte le parti, abbastanza alte però molto belle sullo sfondo del cielo sereno.  Sono arrivata quinta a pari punti con il quarto.

 

Tra la prima e la seconda prova c'era stato giusto il tempo di far benzina, mentre fra la seconda e la terza sono trascorse circa due ore, dato che gli organizzatori hanno eliminato la quarta p.s.

 

La terza prova ci ha di nuovo impegnati sul circuito, con il mare peggiorato e non ho migliorato la mia performance, concludendo in classifica generale di categoria stock in sesta posizione.

 

Dopo la seconda prova ho ricevuto i complimenti della maggior parte dei partecipanti, degli organizzatori greci, della SPES e anche dei commissari della Federazione Motonautica Francese che mi hanno invitato alla prova di Oleron.

Certamente sono gare di un diverso livello sia agonistico sia organizzativo, basti pensare che per contare i passaggi ed evitare polemiche ci hanno montato sulle moto degli apparecchi contagiri che si usano nelle gare di kart.

 

Un discorso a parte lo merita Davide, navigatore della LNI Savona: se ci fosse stata la navigazione prevista per il sabato, io avrei avuto un asso nella manica in più con l'uso del GPS: è stato davvero un "maestro" gentile e collaborativo.