LNI SAVONA

Gruppo Sportivo Canottaggio

Annata agonistica 2006

il diario di voga

28 maggio 2006 - Savona  –  Trofeo Città di Savona


Continua il dominio di Santa Margherita

 

Viene il sospetto che l'Argus di Santa Margherita Ligure abbia fatto un patto con "Nettuno".

Dopo essersi aggiudicata le prime due edizioni del trofeo triennale Città di Savona, totalizzando pertanto ben sei vittorie in sette anni, con una sola interruzione da parte della Canottieri Sampierdarenesi, i canottieri del levante ligure hanno cominciato alla grande anche la terza edizione del trofeo savonese vincendo la gara del 2006. Dopo le ceramiche di Delia Zucchi e Silvia Immer, un opera di Mirco Uccelli è il nuovo artistico cimelio che impreziosisce la bacheca dei trofei di Santa, come la coda del pavone su cui, secondo la mitologia greca, Giunone trasferì i cento "occhi" del suo fedele guardiano Argus, ucciso da Mercurio su ordine di Giove per liberare l'ennesima amante del libertino boss dell'Olimpo.

 

Miti a parte, una analisi approfondita della classifica (allegata) mostra che l'Argus non ha avuto vita facile perché i canottieri di Santo Stefano al Mare hanno seriamente provato a portare il trofeo nell'estremo ponente ligure, e anche i genovesi della Speranza Prà e del Rowing Club sono arrivati a Savona a ranghi compatti, con 10 giovani canottieri cadauna su 99 atleti in gara, per provare a mettere fine al dominio di Santa Margherita.

Con squadre meno numerose e quindi con minori possibilità di successo, completavano lo schieramento delle nove formazioni in gara la Canottieri Nino Bixio di Piacenza, con 7 atleti, la A.S. Sanremo, con 5 atleti, la Canottieri Pallanza di Verbania, con 7 atleti, la Multedo 1930, con 4 portacolori, e la LNI Savona con un solo rappresentante nella categoria degli allievi e dei cadetti cui è riservata la manifestazione, valida quest'anno per la Classifica F.I.C. Nazionale.

 

Nelle fasi iniziali della appassionante sfida, dopo le prime quattro gare dei giovanissimi 'allievi' sui 'Singoli 7,20', facevano spicco i 16 punti del Rowing Club, seguito da Sanremo a quota 15  e da Pallanza a 12, mentre l'Argus era in fondo al gruppo con solo 2 punti.

 

Alla settima gara delle 16 in programma, il Rowing Club era ancora al comando a 32 punti, seguito dalla Speranza Prà a 23 punti e dalla Santo Stefano al Mare a 21 punti, mentre l'Argus rimontava in quarta posizione a quota 14.

 

Nella nona gara, l'Argus sfoderava la sua "arma segreta" schierando ben tre equipaggi di 'Allievi C' in 'Doppio', e passava al comando a quota 44, con la Santo Stefano a 33, il Rowing Club fermo a 32 e la Speranza Prà a 31.

 

Gli inseguitori rimontavano nella 14^ gara con il 'Doppio Cadetti Maschile', e il gruppo di testa si ricompattava, con l'Argus a 50 punti, la Santo Stefano a 49 punti, Prà a 48 e il Rowing Club a quota 46.  Con un solo punto di distacco, tutto sembrava ancora in gioco e invece la strategia dell'allenatore Pino Trenta dell'Argus assestava il colpo vincente con ben due equipaggi nel 'Doppio Cadetti Femminile', contrastati da una sola barca di Prà.

La Santo Stefano provava a replicare nell'ultima gara schierando ben due 'Quattro di coppia', con una barca savonese in prestito con cui totalizzava ben 44 punti in una sola prova, ma l'equipaggio di Santa Margherita parava il colpo riuscendo a vincere la regata e portandosi a 104 punti in classifica, con la Santo Stefano a 93 e la Speranza Prà a 58.

 

Apprezzata da giudici e partecipanti l'organizzazione della LNI Savona, grazie alla collaborazione dei Soci che hanno predisposto la sede e curato l'assistenza in mare, e la ricca premiazione, grazie alla disponibilità di numerosi sponsor.

 

RAFFA FRUTTA E VERDURA, Vado Ligure

Un ringraziamento particolare a:

 

Distaccamento portuale V.F. Savona

 

CROCE BIANCA di SAVONA

VADO SPORT TECH, Vado Ligure

A REX CUCINE - Mansuè TV

COOP LIGURIA - Arenzano

CENTRO LATTE SAVONA