LNI SAVONA

Gruppo Sportivo Canottaggio

Annata agonistica 2001

il diario di voga


30 giugno, 1 luglio - Gavirate: Campionato Italiano Ragazzi

In evidenza Flavio Pignone, con un secondo e terzo posto

Matteo Marullo unico ligure in finale al Meeting Nazionale Junior

Nuovo fine settimana in trasferta a Gavirate, sul lago di Varese, per il Campionato Italiano Ragazzi e il Meeting Nazionale Junior. Giornate bellissime e campo di regata ideale che fa venire la tentazione di approfittare della nuova struttura di foresteria a disposizione, a 30.000 L/giorno, per allenarsi su 2000 metri meravigliosi, con il percorso sempre tracciato e l'acqua sempre calma, una condizione che invece sul mare manca e pregiudica la qualità degli allenamenti degli atleti liguri con qualche ambizione di primato nazionale.

Comunque soddisfatto l'allenatore Franco Badino, perché i savonesi hanno mostrato di poter competere alla pari con i migliori canottieri italiani.

SINGOLO RAGAZZI: la categoria ragazzi ha schierato 61 atleti, con una selezione durissima per gli otto posti della finale. Flavio Pignone ha disputato un'ottima batteria di qualificazione, nella quale si è classificato secondo, ma alla finale accedevano solo i primi e Flavio ha dovuto disputare il recupero, classificandosi terzo per un'inezia e restando quindi tagliato fuori dall'acceso alla semifinale.

Positiva la valutazione di Badino: "Abbiamo buoni tempi, ma nel singolo c'è troppa concorrenza: avremmo bisogno di un giovane atleta in più con cui poter formare un equipaggio per il 'Quattro' e avremmo migliori possibilità di successo".

SINGOLO JUNIOR: agevole ma rocambolesco l'accesso alla finale di Matteo Marullo, che ha condotto la batteria del sabato mattina in un entusiasmante testa a testa che sembrava aver vinto mentre i giudici hanno assegnato la vittoria e l'accesso diretto alla finale all'avversario per un solo irrisorio decimo di secondo.

Nella prova di recupero Matteo si è aggiudicato un posto in finale con un secondo posto in cui ha fatto registrare il secondo miglior tempo della manifestazione.

Fino a metà della finale Matteo è rimasto agevolmente nel gruppo di testa, poi ha vistosamente rallentato, frenato da qualcosa impigliato nella deriva e ha concluso in ottava posizione. "Ho sentito un rumore sotto lo scafo, devo aver colpito un ramo" è stato il suo commento denso di delusione per la fatica di tante ore di allenamento vanificata dalla malasorte.

"Pazienza per l'incidente - ha commentato Badino - Matteo è stato l'unico ligure a disputare la finale e ha fatto registrare tempi di tutto rispetto. Per giunta, il nostro tipo di preparazione graduale ci porta a esprimerci meglio nella seconda parte della stagione, per cui Matteo ha le carte in regola per i Campionati Italiani Junior di settembre all'Idroscalo di Milano".


Fine della pagina