LNI SAVONA

Gruppo Sportivo Canottaggio

Annata agonistica 2000

il diario di voga


12 novembre - Torino: Kinder skiff – resistenza in singolo su 9 Km

 

Anche se ridotta a 9 Km, invece degli 11 previsti, per i guasti lasciati sul fiume dalla recente alluvione, la faticosa gara di resistenza sul Po attraverso il parco del Valentino, a Torino, è un importante test per la verifica della preparazione dei canottieri italiani.

Test che ha fornito responsi positivi sugli sviluppi di questo primo anno di passaggio di categoria per i giovani canottieri della LNI savonese, tradizionalmente difficile perché si affrontano avversari più esperti. Le prime gare nella nuova categoria contro atleti più avanti di un anno avevano visto in difficoltà sia Matteo Marullo, nella categoria Junior, sia Flavio Pignone nella categoria Ragazzi, e le sconfitte non fanno bene al morale, ma l'allenatore Franco Badino aveva raccomandato ai giovani di affrontare quest'anno interlocutorio con tranquillità, badando a fare esperienza senza lasciarsi prendere dallo sconforto.

Commenta Badino: "I ragazzi hanno fatto ultimamente molti più chilometri, con un impegno encomiabile. Lavorando un po' di più, ora si cominciano a vedere i risultati".

SINGOLO JUNIOR 1° ANNO: Ottima prova di Matteo Marullo, che è salito sul terzo gradino del podio, e si è classificato 26° assoluto su 114 partecipanti di tutte le categorie. Notevole il riscontro cronometrico sull' avversario di riferimento, che solitamente precede Matteo di 2 o 3 secondi sui 2000 metri e che questa volta ha invece subito ben 50 secondi.

L' anno di preparazione comincia a dare i suoi frutti, e Matteo guarda fiducioso al prossimo anno ponendosi obbiettivi ambiziosi.

SINGOLO RAGAZZI 1° ANNO: Buona anche la prestazione di Flavio Pignone, che si è classificato al sesto posto. Evidente il miglioramento, al confronto con la posizione di bassa classifica della passata edizione.

PESI LEGGERI : Buon sesto posto per Federico Lapel, ostacolato da una collisione con un avversario contromano che ha poi causato il ribaltamento di un altro atleta e che ha fatto perdere parecchio tempo a Federico, danneggiandogli la scalmiera.


Fine della pagina