LEGA NAVALE ITALIANA

Sezione di Savona

 

Catture on line dei PescaSub LNI Savona

La costanza viene premiata

 

Savona, 07 luglio 2002

Una ricciola di 16 Kg

 

La stagione dei grandi pelagici quest’anno stenta a cominciare ma, nonostante un mese di giugno privo di grosse soddisfazioni, non demordiamo e come di consueto l’appuntamento è alle 05.00 di domenica mattina al porticciolo della Lega Navale Italiana di Savona. E’ ancora molto buio ma, purtroppo, la numerosa concorrenza domenicale ci obbliga a fare queste levatacce in modo da poter pescare qualche ora in pace e soprattutto senza correre il rischio di venire ”tritato“ da qualche diportista inconsapevole del fatto che sott’acqua, legata al pallone di segnalazione dei sub, c’è la vita di un uomo.

Inizia ad albeggiare e siamo gia in acqua, posizionati ad una cinquantina di metri uno dall’altro in modo da non disturbarci nell’azione di pesca. Faccio la capovolta e mi apposto vicino ai soliti scogli che mi permettono di nascondermi alla vista del pesce e allo stesso tempo di controllare una buona porzione dello specchio acqueo antistante. Sono trascorsi pochi secondi del mio primo tuffo quando in lontananza scorgo la sagoma di due ricciole che sfilano fuori gittata del mio potente fucile oleopneumatico, ma le mie esperienze legate agli incontri degli anni precedenti mi suggeriscono che ho ancora una possibilità, la bollicina, ed infatti lascio uscire dalle labbra una piccola bolla d’aria che, come previsto e sperato, attira l’attenzione di uno dei due pelagici il quale comincia a puntarmi con decisione fino ad un paio di metri dalla mia postazione per poi girarsi sul fianco, a questo punto premo il grilletto e vedo l’asta colpire il pesce a centro corpo subito dietro alla pinna laterale. Mentre risalgo in superficie a respirare, apro la frizione del mulinello e contrasto la reazione del pesce tenendo saldamente la sagola fra le dita. La reazione non è violentissima, poiché il pesce è stato colpito in un punto vitale, ma per sicurezza chiamo il mio compagno Marco e gli faccio assestare la seconda fucilata che mette fine alle sofferenze della ricciola. Finalmente riusciamo a mettere a paiolo una bella preda: dopo alcune occasioni mancate di poco e un paio di belle prede “strappate” a causa di fucilate assestate male e per giunta su pesci gia in fuga; pensavamo quasi di essere stati colti da qualche maledizione lanciata dalla concorrenza, ma la nostra costanza ha avuto la meglio.

Giunti alla Lega Navale, troviamo ad attenderci le mogli/fidanzate per le immancabili foto, non prima però di aver pesato il pesce che risulta di 16 Kg.

 

Massimo Fantino