Comitato dei Circoli Nautici del Ponente Ligure

CN Loano, CN Finale, LNI Savona, CN Varazze, CV Cogoleto, CV Arenzano, LNI Genova S.P.

Campionato Invernale del Ponente Ligure 2001/2002

12° edizione

25/11/2001 - seconda prova


3° CAMPIONATO INVERNALE DI VELA D’ALTURA CITTÀ’ DI PEGLI

TROFEO UFFA YACHT CENTER

 

Helga III stacca tutti nella brezza leggera, che lascia mezza flotta fuori tempo limite.

 

Mentre tutta la penisola è in preda al gelo, ad Arenzano splende un tiepido sole e fa caldo, anche perché non circola aria nel debole gradiente barico fra l'isobara dei 1010 mb localizzata su Genova e quella dei 1016 delineata fra Marsiglia e le Bocche di Bonifacio.

Bella giornata quindi per un giro in barca, ma non proprio l'ideale per regatare.

La seconda prova del campionato invernale, dopo l'annullamento della prima giornata per la tempesta del'11 novembre, si è così trasformata per gli equipaggi nella difficile impresa di fare muovere le barche prima ancora di preoccuparsi della posizione degli avversari.

Nonostante la brezza leggera poco adatta agli spunti di velocità, il clima della regata ha subito fatto salire l'adrenalina e non sono mancati i momenti di tensione fino dalla linea di partenza, sulla quale Lancelot è stato pressato quasi addosso alla barca giuria da Helsingor e da un nugolo di barche che cercavano di forzare la partenza alla discreta velocità di 6 nodi. Corpo a corpo come ai bei tempi degli arrembaggi dei corsari anche fra Tamatea e Arundel nel tentativo di aprirsi un varco a tutti i costi, e così il campionato invernale ha finalmente preso il via alle 11:28, con quasi due settimane e un ora di ritardo.

Come suo solito, Helga III prende subito il volo nella brezza da Sud Ovest, tutt'altro che uniforme sul bastone con lato lungo 1,9 miglia e costellato di zone di bonaccia in una delle quali cade Lancelot che butta via la seconda posizione e i preziosi cinque minuti di vantaggio sugli immediati inseguitori. Gli equipaggi faticano non poco a mantenere gonfi gli spi e alle 13:40:37 il one tonner Helga III di Francesco Pastorino del CV Cogoleto completa per primo le 5,8 miglia di regata, incamerando punti preziosi per la conquista del Trofeo Uffa Yacht Center. Dopo 18 minuti lo ha seguito Amelie, il Dufour 414 Trophy di Besio dello YCI. Nella classifica in tempo corretto, i due dodici metri precedono gli ottimi Betelgeuse, X-332 di Ravarino della LNI Milano ed Helsingor, X-343 di Saettone della LNI Savona. Solo 14 delle 22 barche IMS sono riuscite a classificarsi entro il tempo limite di tre ore, con Dragon Lady che ha concluso la prova giusto in tempo alle 14:26 mentre Kinou non ce l'ha fatta fa per appena 47 secondi.

Nessun classificato invece nei Raggruppamento A e B della categoria PMS, in cui la prima arrivata, la detentrice del titolo Sea Bubble, ha completato il percorso alle 14:50, ossia dodici minuti oltre il tempo limite di tre ore.

Nei raggruppamenti C e D della categoria PMS, che effettuano un percorso più corto ulteriormente ridotto a causa della brezza leggera, il velocissimo Just a Joke, J24 di Maresca dello YCI, ha completato la prova alle 12:51:28, in appena un ora e tredici minuti. Lo seguono Popeye, Show 27 di Astengo del CV Interforze, Spruin, Surprise di Patrizia Saccà della LNI Sestri Ponente e Grisou, EC 26 modificato di Tissone della LNI Savona. Solo 12 delle 22 barche sono riuscite a concludere il percorso ridotto entro le tre ore del tempo massimo: l'ultima classificata è stata infatti Nina (HR) alle 14:34 che ha impiegato quasi tre ore per coprire due miglia.

La velocità dei vari J24, Fun, Surprise e Coco del Raggruppamento C è stata esaltata dalla giornata di aria leggera, facendo apparire illogico l'inserimento di questi "classe Regata" fra le barche che effettuano il percorso più corto. Non va però dimenticato che questo è un campionato invernale, e nelle giornate con vento forte la velocità di queste piccole barche di 6,5 - 7,5 metri contro il mare formato e il vento forte non sarà altrettanto brillante mentre sarà accentuata la fatica per gli equipaggi privi di protezioni rispetto a quella dei velisti a bordo di barche di 30 piedi, alle quali è pure riservato un giro in meno proprio per limitare la permanenza in mare degli equipaggi come fattore di sicurezza.

Le prossime prove sono in programma il 9 dicembre e il 13 gennaio a Vesima. Poi rotta a ponente dalla quinta prova, nelle acque di Cogoleto il 27gennaio, di Celle sabato 9 febbraio (recupero prima giornata) e domenica 10 febbraio e di Albisola il 24 febbraio.


Fine della pagina