Comitato dei Circoli Nautici del Ponente Ligure

CN Loano, CN Finale, LNI Savona, CN Varazze, CV Cogoleto, CV Arenzano, LNI Genova S.P.

Campionato Invernale del Ponente Ligure 2001/2002

12° edizione

11/11/2001


3° CAMPIONATO INVERNALE DI VELA D’ALTURA CITTÀ’ DI PEGLI

TROFEO UFFA YACHT CENTER

 

Tempesta: annullata la prima prova.

 

Quando il vento invernale diventa "infernale", non resta che fare buon viso a cattiva sorte e, prima ancora di aver iniziato le regate per la conquista del Trofeo Uffa Yacht Center , mettere già in programma la prova di recupero del 12° Campionato Invernale del Ponente e del 3° Campionato Invernale Città di Pegli, le manifestazioni gemellate che impegneranno per tutto l’inverno 22 barche nella categoria d'eccellenza IMS e 42 barche nella categoria promozionale PMS.

Le raffiche a 62 nodi misurate nella notte sono salite fino a 70 nodi nel corso della giornata, e le lancette degli anemometri non sono mai scese sotto i 45 nodi negli intervalli fra le raffiche. Contro tanta furia esplosiva, pari a una tremenda pressione del vento superiore a 77 Kg/mq che fa pesantemente sbandare le barche all'ormeggio, è stato perfino difficile reggersi in piedi sui pontili a quanti erano impegnati a rinforzare ormeggi, coprirande e parabordi, mentre le navi non riuscivano ad entrare in porto.

Dopo l’annullamento della prima prova, le prossime regate sono in programma il 25 novembre, il 9 dicembre e il 13 gennaio a Vesima. Poi rotta a ponente dalla quinta prova, nelle acque di Cogoleto il 27gennaio, di Celle il 10 febbraio e di Albisola il 24 febbraio.

Intanto, al briefing della vigilia si sono delineati gli schieramenti nelle varie classi. La categoria d'eccellenza IMS, che quest'anno registra un significativo incremento del 30%, è stata suddivisa in due raggruppamenti.

Nel Raggruppamento delle classi IMS 0, 1 e 2 si evidenziano i nuovi ingressi di Elo II, potente prototipo di 16 metri di Mondini dello Y.C.I., di Vega, nuovo Gran Soleil 40 di Bonifacino del C.V. Cogoleto, di Amelie, Dufour 414 Trophy dello Y.C.I., di Botta Dritta, Polaris 37 di Matica della L.N.I. Sestri Ponente e di Dragon Lady, l'elegante Sun Fast 40 dello skipper Dimarco del CN Varazze, che ha già incominciato ad imporsi all'attenzione con una sua bella immagine (dell’invernale 2000/2001) sulle locandine della manifestazione.

Fra le nuove entrate nel Raggruppamento delle classi IMS 3 e 4 balza agli occhi il piccolo Blue Sail 24 di Magrini, che inalbera il guidone del CN Ilva e corre con il nome dello sponsor Uffa Yacht Center: Si tratta di uno di quei "terribili piccoli" che, con le condizioni di vento adatte, potrebbe dare filo da torcere alle grandi d'alta classifica. Fra le nuove entrata sarà senz’altro in evidenza il visibilissimo scafo giallo del First 31.7 Charas di Segatori del Castelluccio di Genova Prà, contrapposto al First 310 Kinou di Bonaldo del CN IL Pontile, al Sun Fast 31 Key West di Brema del CN Ilva e all’outisider Arundel di Benvenuto dello Y.C. Domaso che porta una sfida lacustre agli equipaggi liguri.

C’è curiosità intorno all’ingresso di tanti nuovi concorrenti nella categoria d’eccellenza IMS, per vedere se e quali delle nuove barche saranno in grado di scalzare Helga III di Pastorino dal podio, così come di costituire una insidia per le vecchie conoscenze Lancelot di Balestrero, X Four di Pezzini, Idea Fissa di Girola, Ababai di Damonte, Woodstock di Scarfì, Blue Wind di Siface, Betelgeuse di Antonelli, X Wave di Roccatagliata, Helsinghor di Saettone, e Tamatea di Giribaldi.

Nella categoria Diporto, riservata alle barche stazzate con la formula PMS, sono stati costituiti quattro raggruppamenti A, B, C e D. Nel gruppo C sono state incluse le "terribili piccole" Metis e Minahouet, due Mini Transat concepiti per la transatlantica in solitario e capaci di velocità folli in planata, insieme al velocissimo Fun Sparviero, al filante Surprise Spruin e al monotipo per eccellenza J24 Just a Joke.

Per i gruppi C e D è previsto un percorso di sole 6 miglia invece delle 9 miglia che dovranno essere coperte, con un giro in più, dalle barche delle classi maggiori.


Fine della pagina